Organizzazione delle Prove Interlaboratorio Qualitycheck

Scopo

Le Prove Interlaboratorio Qualitycheck hanno come scopo la valutazione esterna indipendente della competenza analitica dei laboratori di prova nella determinazione di varie classi di misurandi in diverse matrici ambientali.


Le prove valutative interlaboratorio (proficiency testing) sono organizzate dalla Qualitycheck secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17043:2010 “Valutazione della conformità - Requisiti generali per prove valutative interlaboratorio”.


Destinatari

Laboratori pubblici e privati, italiani e stranieri che vogliono valutare, attraverso un controllo esterno indipendente, la loro competenza ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2018 o di altre norme equivalenti, come richiesto dalla normativa nazionale ed internazionale (D.Lgs 152/2006 e s.m.i., Direttiva 2000/60/CE, Direttiva 2009/90/CE, etc.) e dall’Ente Italiano di Accreditamento - ACCREDIA (RT-24 Rev.02 - Prove valutative, par. 5 e RT-08 Rev.03 - Prescrizioni per l'accreditamento dei Laboratori di prova, par. 5.9.1).


Coordinamento e Responsabilità

La gestione di ogni prova valutativa interlaboratorio è sotto la responsabilità della Qualitycheck. Ogni prova valutativa è gestita da un Coordinatore, che si occupa della progettazione (scelta della matrice, misurandi, concentrazioni, pianificazione temporale, analisi statistica, reportistica, ecc) e della sua esecuzione. Un team tecnico supporta il Coordinatore nell'assistenza ai clienti e nella gestione delle prove valutative. La progettazione e la pianificazione delle Prove Interlaboratorio Qualtycheck è gestita interamente ed è responsabilità della Qualitycheck.


Frequenza

Ogni prova valutativa interlaboratorio organizzata dalla Qualitycheck viene riproposta ogni anno con una frequenza che va da due a tre cicli all’anno. Visita la pagina Registrazione Prove Interlaboratorio Qualitycheck per visionare la pianificazione temporale delle prove valutative disponibili.


Campioni di prova (materiali di riferimento)

I campioni di prova distribuiti nelle prove valutative, sono progettati da Qualitycheck in termini di matrice, misurandi e livelli di concentrazione, sulla base delle esigenze dei laboratori e dei requisiti previsti dalle norme di legge in campo ambientale (D.Lgs 31/2001, D.Lgs 152/2006, D.Lgs 30/2009, Direttive 2000/60/CE - 2008/105/CE - 2013/39/UE, etc.).
Tali materiali corrispondono, per quanto sia possibile, in termini di matrice, misurandi e concentrazioni, alla tipologia di campioni esaminati nelle prove di routine dei laboratori. Laddove non sia possibile fornire matrici reali, per problemi di stabilità e/o omogeneità, la Qualitycheck fornisce, come campioni di prova, simulati o soluzioni concentrare (spike) da aggiungere al momento della prova ad una matrice reale.
Tutti i campioni di prova sono preparati e caratterizzati in termini di omogeneità e stabilità in accordo con le linee guida internazionali (ISO 17034, ISO GUIDE 35, ISO 17025, ISO 13528 e ISO/TS 22117) da produttori qualificati selezionati dalla Qualitycheck.


Metodi di prova dei partecipanti

Se non diversamente specificato i partecipanti possono scegliere di utilizzare i metodi di prova che ritengono più opportuni (metodi in uso nel loro laboratorio o metodi da validare).
I materiali di prova distribuiti nelle Prove Interlaboratorio Qualitycheck devono essere trattati nello stesso modo con cui sono gestiti i campioni analizzati di routine.
Nel caso in cui la prova valutativa preveda l’utilizzo di un metodo di prova specifico, tale metodo viene chiaramente specificato ai partecipanti (es. Lisciviazione su rifiuti solidi secondo la norma UNI EN 12457-2: Caratterizzazione dei rifiuti - Lisciviazione - Prova di conformità per la lisciviazione di rifiuti granulari e di fanghi - Parte 2: Prova a singolo stadio, con un rapporto liquido/solido di 10 l/kg, per materiali con particelle di dimensioni minori di 4 mm (con o senza riduzione delle dimensioni).


Trattamento statistico e valutazione dei risultati dei partecipanti

Il trattamento statistico dei risultati è basato su metodi statistici robusti che minimizzano l'influenza dei valori anomali, come previsto dalle normative tecniche di riferimento: ISO 13528:2015 e ISO/TS 22117:2010 .
La valutazione dei risultati dei laboratori partecipanti è basata sulle statistiche prestazionali (z-score), secondo le quali la deviazione dei risultati di ogni laboratorio dal Valore Assegnato è confrontata con una Unità di Deviazione, definita “Fit For Purpose”.
Tale Unità di Deviazione tiene conto dello stato dell’arte delle prestazioni delle tecniche analitiche e dei metodi di prova a livello nazionale ed internazionale, della classe di analiti, dei livelli di concentrazione, del tipo di matrice e dei requisiti richiesti da norme e leggi di riferimento. Inoltre la valutazione della prestazione tiene conto dell’incertezza del Valore Assegnato, del grado di omogeneità e di stabilità dei campioni di prova.


Rapporto della Valutazione dei Risultati

I risultati della valutazione delle prestazioni dei laboratori partecipanti sono resi disponibili, ai laboratori stessi, entro 10 giorni lavorativi rispetto alla data ultima utile per l'invio dei risultati.
Tali risultati sono pubblicati nel Rapporto della Valutazione dei Risultati, elaborato secondo i requisiti richiesti dalla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17043:2010.
Il Rapporto è pubblicato in Italiano ed è personalizzato per ogni laboratorio partecipante, poichè include il riepilogo dei suoi risultati e della valutazione ottenuta.
Inoltre il Rapporto include anche i risultati di tutti i partecipanti, informazioni sul trattamento statistico, i risultati della valutazione delle prestazioni di tutti i partecipanti (z-scores) e informazioni sulla preparazione del materiale di prova.

La gestione del Rapporto della Valutazione dei Risultati, dalla sua elaborazione, all’approvazione ed autorizzazione alla pubblicazione è eseguita ed è interamente responsabilità della Qualitycheck.


Riservatezza

La Qualitycheck utilizza procedure che garantiscono la riservatezza sulla partecipazione dei laboratori di prova alle Prove Interlaboratorio Qualitycheck. Ad ogni partecipante è assegnato un codice identificativo (ad es. Lab050). Tale codice è strettamente riservato, confidenziale e viene comunicato esclusivamente ai contatti indicati dal laboratorio in fase di registrazione. Tutte le informazioni fornite dai partecipanti alla Qualitycheck sono trattate come riservate. Nel Rapporto della Valutazione dei Risultati i dati di ogni laboratorio di prova sono associati al codice identificativo, permettendo di salvaguardarne l'identità.

ItalyEnglish