Prova Interlaboratorio: Pesticidi in acque naturali

Programmazione temporale 2023

Scadenza
Registrazione
Spedizione
Campioni
Scadenza
Invio Risultati
Pubblicazione
Rapporti
03/03/2023 20/03/2023 14/04/2023 03/05/2023
Scadenza Registrazione: 03/03/202325%
25%
Scopri Ciclo Aprile 2023
Scadenza
Registrazione
Spedizione
Campioni
Scadenza
Invio Risultati
Pubblicazione
Rapporti
20/10/2023 06/11/2023 01/12/2023 19/12/2023
Scadenza Registrazione: 20/10/202325%
25%
Scopri Ciclo Novembre 2023

eCommerce Qualitycheck

eCommerce Qualitycheck

Accedi per conoscere i prezzi e concludere l’ordine velocemente.

Prova Interlaboratorio: Pesticidi in acque naturali - Qualitycheck

La prova valutativa interlaboratorio (circuito interlaboratorio) Pesticidi in acque naturali ha lo scopo di valutare le prestazioni analitiche dei laboratori di prova nella determinazione di pesticidi organoclorurati, triazione e pesticidi organofosforati in acque naturali e in altre matrici assimilabili.

Partecipando alle prova valutative interlaboratorio in modo continuo, i laboratori di prova possono dimostrare la loro competenza analitica ai clienti, al legislatore, agli organismi di accreditamento ed altre organizzazioni che specificano i requisiti per i laboratori stessi.

Prova valutativa interlaboratorio organizzata dalla Qualitycheck secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17043:2010 “Valutazione della conformità – Requisiti generali per prove valutative interlaboratorio”. Richiedi la Dichiarazione Conformità ISO/IEC 17034:2010.

Laboratori di prova pubblici e privati, italiani e stranieri che determinano pesticidi in acque di falda o sotterranee, acque superficiali, acque destinate al consumo umano, acque minerali, acque trattate o non trattate, acque per la preparazione di cibi e bevande, o per altri usi domestici.

Pesticidi Organoclorurati (Numero CAS)
  • Alaclor
    (15972-60-8)
  • Aldrin
    (309-00-2)
  • Clordano (cis+trans)
  • 2,4'-DDD
    (53-19-0)
  • 4,4'-DDD
    (72-54-8)
  • 2,4'-DDE
    (3424-82-6)
  • 4,4'-DDE
    (72-55-9)
  • 2,4'-DDT
    (789-02-6)
  • 4,4'-DDT
    (50-29-3)
  • Dieldrin
    (60-57-1)
  • alfa-Endosulfan
    (959-98-8)
  • beta-Endosulfan
    (33213-65-9)
  • Endrin
    (72-20-8)
  • Eptacloro
    (76-44-8)
  • Eptacloro epossido
    (1024-57-3)
  • Esaclorobenzene (HCB)
    (118-74-1)
  • Pentaclorobenzene
    (608-93-5)
  • Trifluralin
    (1582-09-8)

Intervallo di concentrazione: 10 – 500 ng/L

Triazine (Numero CAS)
  • Atrazina
    (1912-24-9)
  • Desetil-atrazina
    (6190-65-4)
  • Prometrina
    (7287-19-6)
  • Propazina
    (139-40-2)
  • Simazina
    (122-34-9)
  • Terbutilazina
    (5915-41-3)
  • Desetil-terbutilazina
    (30125-63-4)
  • Terbutrina
    (886-50-0)

Intervallo di concentrazione: 10 – 500 ng/L

Pesticidi Organofosforati (Numero CAS)
  • Azinfos-etile
    (2642-71-9)
  • Azinfos-metile
    (86-50-0)
  • Clorfenvinfos
    (470-90-6)
  • Clorpirifos (etile)
    (2921-88-2)
  • Diclorvos
    (62-73-7)
  • Fenitrotion
    (122-14-5)
  • Paration-etile
    (56-38-2)
  • Paration-metile
    (298-00-0)

Intervallo di concentrazione: 10 – 500 ng/L

CAMPIONE DI PROVA

  • 1 x 2000 mL campione da ricostituire a partire da una matrice acquosa e una soluzione concentrata.

NOTA: Tutti i dettagli per la preparazione del campione di prova finale sono forniti nella Linea Guida della prova valutativa interlaboratorio inviata ai partecipanti insieme ai campioni.

ANALISI: I laboratori sono liberi di utilizzare il metodo di prova di propria scelta, conforme alle loro procedure ordinarie (metodi in uso per l’analisi di routine).
Per ogni misurando è richiesto un risultato.

RISULTATI AGGIUNTIVI: Se il quantitativo di campione di prova lo permette, è possibile fornire fino a 5 risultati per uno stesso misurando*, al fine di ottenere una valutazione delle prestazioni analitiche all’interno dello stesso laboratorio per operatori, strumenti e/o metodi di prova diversi.

Per un Laboratorio Multisito non è possibile inserire, come “Risultato Aggiuntivo”, risultati analitici ottenuti da Sedi diverse. Ogni Sede deve essere identificata nel Rapporto di Valutazione dei Risultati con un Codice Laboratorio univoco.


*: Al fine di evitare che un singolo laboratorio abbia un peso statistico diverso, a seconda del numero di risultati inviati, solo il primo dei risultati inseriti dal laboratorio sarà incluso nel trattamento statistico per il calcolo del Valore Assegnato e delle statistiche riepilogative del misurando. I risultati eventualmente inseriti successivamente al primo (risultati aggiuntivi), saranno comunque valutati con l’assegnazione dello z-score, utilizzando il Valore Assegnato e lo Scarto tipo per la valutazione della competenza ottenuti dal trattamento statistico.

Normativa di riferimento
Decreto legislativo n. 31 del 2 febbraio 2001: Attuazione della direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano e s.m.i.
Decreto legislativo n. 152 del 3 aprile 2006: Norme in materia ambientale.

TI POTREBBE INTERESSARE

Prove Interlaboratorio – Matrice Acque Naturali

ItalyEnglish